disobbedienza civile e obiezione di coscienza: diritti o delitti?


abbiamo il diritto di disobbedire a una legge ingiusta ​​p>

ley non è legge ingiusta, ma la violenza “, diceva sant’Agostino centinaia di anni, rende il che significa leggi così ingiuste, anche se si sono formate a seguito del processo richiesto, non erano in grado di scongiurare la volontà dei cittadini, essendo illegittima di conseguenza. Questo principio, in cui la filosofia di disobbedienza civile e resistenza pacifica si basa , si è condensata nella frase di Gandhi “. Quando una legge è ingiusta, è meglio disobbedire “

Alcuni sistemi giuridici riconoscono il diritto all’obiezione di coscienza, questo è la capacità degli esseri umani di rifiutare di obbedire agli ordini o le leggi o di compiere determinati atti o servizi, a causa di motivi etici . Sarebbe, quindi, un diritto di resistere autorità quando ha emesso gli ordini sono in contrasto con i principi morali del cittadino. Ad esempio, la Spagna riconosce il diritto di rifiutare il servizio militare, di essere sostituito da una prestazione di un servizio di natura sociale.

Tuttavia, maggior parte dei paesi non includono nella loro legislazione figura di disobbedienza alla legge , anche se questo principio sembra essere contenuta nel cosiddetto “diritto di resistenza all’oppressione”, di cui all’articolo 2 del Declaración dei diritti dell’uomo e del cittadino.

disobbedienza civile

Henry David Thoreau ha scritto per la prima volta sul concetto di disobbedienza civile nel suo libro dallo stesso titolo, in 1849. Qui, è definito come l’atto di disobbedire una regola cui osservanza è obbligatoria in generale, riferendosi ad una regola la cui violazione comporta una punizione. Secondo Thoreau, l’atto di ignorare questa regola avrebbe lo scopo di portare cambiamenti per l’ordine sociale

da LoggaWiggler su Pixabay . CC0 dominio pubblico.

Coloro che si oppongono al concetto di disobbedienza civile sostengono che regole inique non devono essere disobbedito, ma modificati. Tuttavia , inerente alla nozione di disobbedienza civile, è l’idea di un sistema ingiusto, che sarebbe difficile difficile cambiare una legge solo aderire agli standard tradizionali. Questo è il motivo che la sua tesi Thoureau basata sull’idea -established in legalmente dottrina che una legge che è disimpegnato dalla popolazione è, in pratica, ha abrogato .

Tuttavia, per un atto a costituire la disobbedienza civile non è sufficiente solo la ribellione contro la norma: richiede che questa azione viene fatto pubblicamente e consapevole , che viene effettuata costantemente e in modo da ottenere scopi sociali specifici. Questo scopo, i cui dettagli possono variare a seconda dei casi, si riferisce generalmente alla ricerca di soppiantare lo standard sull’altro.

Qui, disobbedienza civile non è altro che un meccanismo di protesta , un modo per rendere visibile l’esistenza di una norma, legge o della politica che è in contrasto con i principi etici e morali della società. In questo modo, un atto di disobbedienza civile, mentre si ribella contro un particolare standard legittima democratica nel suo complesso , a riconoscere come una valida forma di decisioni come una società. La disobbedienza civile, per sua natura, non è carattere rivoluzionario, non ha lo scopo di imporre una particolare visione politica a tutta la popolazione, ma cerca il cambiamento sociale attraverso meccanismi democratici.

Su una scala molto singolo, sia disobbedienza civile e l’obiezione di coscienza si rifugiano nelle più elementari diritti umani di individualità e sviluppo della personalità: espresso non funzionerà o sottoposti a regole che sono considerate abusive o inconcepibile , che sono separati da ciò che l’individuo ha un comportamento nobile ed etico.

è quindi essenziale notare che l’ultimo gesto di impegno e di legittimità del sistema giuridico e politico per disobbedienza civile sta nel fatto che si deve essere disposti a prendere le conseguenze delle loro azioni , vale a dire, le loro azioni di essere considerati illegali da parte della società, deve pacificamente accettare la pena o sanzione che provoca il loro comportamento. In tal modo, dice il suo apprezzamento e il rispetto dello Stato di diritto e le regole nel suo complesso. Questo è il più fondamentale tra la vera disobbedienza civile e il numero di reati differenza.

disobbedienza civile e obiezione di coscienza: diritti o delitti?
Hypertext
disobbedienza civile e obiezione di coscienza: diritti o delitti?
Ci sono un sacco di moto là fuori in lizza per la vostra attenzione e un ...

Il badge adornano i veicoli sono parte inevitabile dello sviluppo aut...

Come di consueto, Google Pixel 4 che avremo modo di conoscere il prossi...

Ci suggeriscono la massima risoluzione perché rende lo schermo si ve...

Bibliography ►

phoneia.com (February 12, 2016). disobbedienza civile e obiezione di coscienza: diritti o delitti?. Bogotá: E-Cultura Group. Recovered from https://phoneia.com/it/disobbedienza-civile-e-obiezione-di-coscienza-diritti-o-delitti/