Fotografi di strada (V): Bruce Gilden

Fotografi Calle (V): Bruce Gilden


Si utilizza metodi poco ortodossi, ma ottenere risultati spettacolari. Un vero e proprio cacciatore di strada che non ha paura di spaventare i passanti con i suoi scatti con flash veloci.

Si muove così velocemente che le “vittime” non hanno alcuna possibilità di reagire alle . dopo aver preso la foto Il suo modo di lavorare è sorprendente allo stesso isterica: in una mano il suo fidato Leica M6 , d’altro flash, schivando i pedoni per le strade trafficate di New York, slouching e sempre pronto a sorprendere qualche faccia incapaci

Bruce Gilden cresciuto per le strade di Brooklyn, dove ha sviluppato una grande capacità di osservare il comportamento e cultura urbana. In gioventù ha studiato sociologia presso la Pennsylvania State University, , ma ben presto ha suscitato il suo interesse per la fotografia dopo aver visto il film di Michelangelo Antonioni Voglio una mattina d’estate nel 1968. Questo è quando ha preso la grande decisione della sua vita: frequentare corsi serali di fotografia presso la prestigiosa School of Visual Arts di New York, momento ha acquistato la sua prima macchina fotografica.

Fin dall’inizio della sua carriera, ha scelto il Gilden street photography per la sua attrazione per la spontaneità visivo che ha ispirato questa disciplina. Ed è stato alla fine del 1960, quando ha sviluppato il suo primo grande progetto. ha deciso di prendere la metropolitana che collega Brooklyn a Coney Island per catturare i bagnanti, stand fieristici e le attrazioni della penisola. Un luogo che è stato oggetto di molti fotografi nel corso della storia ma nessuno è riuscito a collegarsi con i personaggi e catturare le sue eccentricità con tanta brutale onestà. Un lavoro che lo ha catapultato alla ribalta della americana Street Photography e gli ha permesso di sviluppare il suo stile distintivo:

Nel 1984, Gilden viaggiato ad Haiti per documentare voodoo riti, luoghi . e le credenze che ha inondato il paese dei Caraibi e anche pubblicato un libro sulla sua esperienza nel 1996

In realtà, quando si recò per la prima volta ha detto a se stesso: ” Dove sono stato tutto questo tempo? “E ‘stata un’attrazione immediata e dopo quel primo viaggio, Gilden girato 22 volte.

In aggiunta, solo due anni dopo entra a far parte della Magnum Agency, che ha fatto un lavoro spettacolare in Giappone membri fotografare Yakuza, prostitute e senzatetto , con risultati sorprendenti pubblicate attraverso il suo libro Go. Tuttavia, c’era anche spazio per ritrarre il mondo rurale, in questo caso attraverso un viaggio in Irlanda, dove ha catturato la follia delle corse di cavalli e mondo del gioco d’azzardo, fotografando il pubblico in momenti di estasi. E dopo aver fatto realizzare progetti in Russia e India, il grande artista ha deciso di concentrare il proprio lavoro nel proprio paese e disegnare un ritratto sociale dell’America durante la recessione economica degli ultimi anni. Si tratta di un progetto personale ancora incompiuto concentrati sulle situazioni drammatiche che si vivono durante gli sfratti, in giro per Florida, Detroit e California.

Bruce Gilden è un fotografo frainteso. Ha sviluppato uno stile aggressivo, unico e inconfondibile che ci porta agli appassionati di fotografia di posizionarci irrimediabilmente a favore o contro un modo molto chiaro. Quando si imposta un “personaggio” ( Nominato ai protagonisti dei suoi quadri), si accovaccia, egli squat davanti a loro, estende il suo flash e spara velocemente per continuare a camminare poi alla ricerca di un nuovo obiettivo. Uno stile che spesso spaventa e intimidisce i passanti ignari reagiscono con le espressioni curiose e comiche che creano un molto suggestivo, il lavoro sexy, almeno me ho collegato. E anche se il Gilden dice che il suo stile è “rallentare” la verità è che continua piena di energia e la sua opera continua a stampare il proprio carattere. Ci sono colleghi che di lui un vero idiota cerca di attenzione attraverso un’opera innaturale considerano. In breve, per gustare i colori (e foto):

Galleria fotografica dell’agenzia Magnum:

var = new Swipe (document.getElementById (‘ gallery ‘) {callback: funzione (indice, elem) {$ (‘ http://da.feedsportal.com/r/228765657644/u/49/f/538984/c/33160/s/462c599c/sc/26/rc/1/rc.htmgallery. strisciare-wrap ‘(altezza’, $ (elem) .find (‘img’) Altezza ())) css .. ‘;}});







Hipertextual

Fotografi di strada (V): Bruce Gilden
Source: italiano  
May 10, 2015


Next Random post