Come installare e personalizzare Raspbian sul Raspberry Pi

Come installare e personalizzare Raspbian sul Raspberry Pi

Installazione Raspbian

Raspbian è stata la distribuzione di default (distro) per il Raspberry Pi dal suo lancio nel 2012. In questo periodo abbiamo visto la distro crescere da una semplice forchetta di Debian in un prodotto completamente descritto che copre molti casi d’uso differenti. In questo tutorial sbirciare sotto il cofano e di conoscere la versione più recente.

Il modo più semplice per installare Raspbian è via NOOBS (New Out of the Box Software). Per questo avrete bisogno di almeno una scheda micro SD da 8 GB che è formattata per utilizzare un filesystem FAT32. Scarica il NOOBS ZIP archivio a un altro computer ed estrarre il contenuto dell’archivio ZIP per scheda micro SD.

Estrarre la scheda dal computer e inserirlo nel vostro Raspberry Pi. Collegare la tastiera e altre periferiche ma lasciare il potere fino all’ultimo. Avviare il Raspberry Pi e verrà presentato con un menu che offre molti sistemi operativi diversi per l’installazione.

Seleziona la casella accanto a Raspbian e quindi fare clic su Installa e attendere. L’installazione richiederà circa 10 minuti per completare. Con l’installazione completare il Raspberry Pi si riavvierà in ambiente desktop Raspbian, ma prima è necessario completare alcune modifiche alla configurazione tramite raspiconfig che carica automaticamente al primo avvio.

In questo momento l’unico cambiamento di configurazione per rendere è in espansione Raspbian in modo che utilizzi la piena capacità della scheda SD. Una volta completato si può navigare a Finire con i tasti cursore e premere il tasto Invio per confermare la scelta ​​p>

Ogni Raspberry Pi ha le stesse password di default:.

Nome utente: pi

Password: di lampone

Una volta effettuato l’accesso ci troviamo di fronte il Raspbian lxterminal e da qui abbiamo una notevole quantità di energia disponibile attraverso un Comandi alcuni comuni di Linux.

Trovare la propria strada su

Quando si accede siamo calati nella nostra home directory e questo è dove tutti i nostri documenti, musica e immagini sono detenuti. Per capire dove ci troviamo nel filesystem possiamo utilizzare un comando per stampare la nostra posizione, che è conosciuto come print working directory digitando $ PWD

Questo restituirà la nostra posizione come / home / PI / ma cosa succede se si vuole passare a un’altra directory? Se vogliamo andare in una directory che è nella nostra home directory allora dobbiamo prima di elencare le directory nella nostra casa. Per fare questo digitiamo ls in lxterminal, dopo il prompt dei comandi.

Questa uscita volontà tutte le directory ei file nella nostra home directory. Possiamo vedere uno chiamato Download e se vogliamo navigare lì abbiamo bisogno di cambiare directory, così abbiamo utilizzare il cd di comando e passare il percorso della directory che vogliamo passare a come questo: $ cd Scaricare (nota: il ‘non deve essere digitato E’ un simbolo che rappresenta il prompt dei comandi e che si dovrebbe essere digitando in lxterminal / Bash.)

Se ora. ripetere il comando pwd, si segnala che siamo in / home / pi / Download e se volessimo tornare a / home / pi possiamo scrivere:

cd / home / pi

Un modo rapido per tornare a casa è quello di scrivere:

cd

Vediamo ora caricare desktop Raspbian, a fare questo usiamo questo comando seguito da Invio: $ startx. Dopo alcuni secondi sul desktop Raspbian verrà caricato e vedrete un desktop pulito con una piuttosto grande logo Raspberry Pi.

Il desktop Raspbian è stata perfezionata per essere un interfaccia user-friendly molto più da Simon Long, che si è unito il Pi Foundation Lampone in fine del 2014, e ha trascorso molto tempo nella creazione di una semplice interfaccia che elimina con la ripetizione delle applicazioni visto nelle versioni precedenti.

Il menu principale è in alto a sinistra dello schermo e dentro ci possiamo vedere una serie di sottomenu. Il primo dei sottomenù è programmazione e lì abbiamo due versioni di Python: versioni 2.7 e 3. Inoltre abbiamo sonico Pi, il popolare applicazione la creazione di musica alimentata dal linguaggio di programmazione Ruby.

Nel sottomenu successivo, che è internet, troveremo un browser web e rapidi collegamenti per l’Raspberry Pi Store per le applicazioni e le risorse ufficiali Raspberry Pi. Nel sottomenu ‘Giochi’ troveremo il popolare gioco Minecraft, che può essere violato utilizzando un’API preinstallato Python, che è stato recentemente aggiornato per funzionare con Python 3.

Infine, negli accessori ‘sottomenu troveremo una collezione di applicazioni a portata di mano, come ad esempio un lettore PDF, manager d’archivio, editor di testo e un file manager per navigare graficamente i file e le directory del nostro Raspberry Pi.

Muoversi lungo la parte superiore dello schermo, possiamo anche vedere una fila di icone. Questi sono scorciatoie per il browser Web, file manager, terminale e altre applicazioni. Spostare più avanti in alto a destra possiamo vedere un gruppo di quattro icone.

Il primo dei quattro è il nuovo strumento di configurazione Wi-Fi, che sostituisce lo strumento precedente che è stato trovato nel menu principale.

Il nuovo strumento di configurazione è facile da usare con la maggior parte tipi di dongle Wi-Fi. Hai lasciato clic semplicemente sulla icona Wi-Fi, attendere di rilevare i router nell’area, selezionare il router dall’elenco e immettere la password nella finestra di dialogo Pre Shared Key.

Dopo pochi istanti il ​​vostro Raspberry Pi verrà connesso alla rete. Muovendosi lungo lo schermo abbiamo seguente leggi il controllo del volume, a sinistra clic qui si apre un cursore del volume, mentre il tasto destro del mouse viene utilizzato per modificare l’uscita da HDMI a jack da 3,5 mm per cuffie.

I restanti due icone sono un grafico processo CPU mostra come occupato la CPU è e la voce finale è una data / applicazione in tempo.

Se vogliamo aggiornare il software che viene installato da default con Raspbian possiamo usare APT (Advanced Packaging Tool) per scaricare le applicazioni e le eventuali dipendenze. Per fare questo apriamo una lxterminal tramite i collegamenti nella parte superiore del desktop.

Il nostro primo comando aggiornerà l’elenco del software installato sul nostro Raspberry Pi con un elenco dei server Raspbian, questo assicura che il nostro software sia aggiornato: $ sudo apt-get update. Ora possiamo aggiornare il software installato sul nostro Raspberry Pi digitando $ sudo apt-get upgrade. Questo può generare un sacco di potenza in lxterminal.

Assicurarsi di leggere ciò che viene installato se ti viene chiesto di accettare le modifiche prima di procedere con l’aggiornamento.

Installazione del software

L’installazione del software è anche gestito in modo simile. Per l’ultima parte di questo tutorial andiamo a installare uno strumento di cattura dello schermo chiamato scrot e lo facciamo digitando $ sudo apt-get install scrot. Dopo qualche istante l’applicazione si installerà e sarà pronto per l’uso (continuate a leggere per sapere come accedere ai file di aiuto di scrot).

Buon lavoro! Abbiamo installato Raspbian, configurato per l’uso e imparato in cui il software può essere trovato e aggiornato per software più recente – si è ora pronti a lavorare un project.

Raspi-config

The Raspberry Pi ha un proprio strumento di configurazione, Raspi-config. Nel tutorial, si apre automaticamente quando abbiamo fatto il boot del Raspberry Pi. Ma se avete bisogno di fare ulteriori modifiche che è possibile anche riaprirlo dal lxterminal digitando $ sudo raspi-config

Utilizzo raspi-config possiamo abilitare il Raspberry ufficiale macchina fotografica Pi, configurare l’audio e SSH server per eseguire al boot. Possiamo anche overcloccare il nostro Raspberry Pi per costringerlo a correre più veloce, ma questo può danneggiare il Raspberry Pi se viene spinto troppo duro.

Overclock della CPU genera molto calore e il Raspberry Pi non sono dotati di un dissipatore di calore per dissipare il calore della CPU.

Raspi-config può anche essere utilizzato per modificare la divisione di memoria tra il sistema e la GPU (Graphical Processing Unit), ad esempio un server web non ha bisogno di molta memoria durante l’esecuzione senza testa, ma un computer desktop avrà bisogno di più memoria per eseguire software come il software window manager, che è come il Raspberry Pi è in genere utilizzato.

comandi di Linux

Raspbian è basato sul popolarissimo distro Debian, che significa che ha una pletora di comandi. Ma cosa succede se volete saperne di più su un comando? Inserisci man, che è l’abbreviazione di manuale, un comando utilizzato per accedere ai file di aiuto per un comando, ad esempio, per leggere il scrot manuale, lo strumento di cattura dello schermo, avremmo digitare :.

$ man scrot

Si apre automaticamente il manuale, che siamo in grado di scorrere con i tasti cursore, e uscire premendo q

Linux ha un altro a portata di mano piccolo trucco: auto-completamento. Comandi inserito nel lxterminal / Bash può essere auto-compilato premendo il tasto Tab, ad esempio, se dovessimo scrivere scr seguito dal tasto Tab, la parola sarà il completamento automatico per scrot, se questo non è il comando che stai cercando è possibile premere di nuovo Tab e Raspbian vi mostrerà tutti i comandi che corrispondono esattamente alla voce.

L’aggiunta di un paio di personaggi sarà a casa sul comando a destra e premendo di nuovo Tab si auto-completa di esso.

  • è piaciuto questo articolo? Espandi la tua conoscenza di Linux, ottenere di più dal codice, e scoprire gli ultimi sviluppi open source all’interno di Linux Format. Leggi il nostro campionatore oggi e approfittare dell’offerta interna.



TechRadar – Tutte le ultime notizie di tecnologia

Bibliography ►
Phoneia.com (January 10, 2016). Come installare e personalizzare Raspbian sul Raspberry Pi. Recovered from https://phoneia.com/it/come-installare-e-personalizzare-raspbian-sul-raspberry-pi/